Article Marketing di Qualità?

Scopri come pubblicare i tuoi articoli su OfficialSM.net
+

Microsoft

STAI VISUALIZZANDO UN ARCHIVIO in Microsoft: sfoglia i post

SUCCESSIVO »

Xbox 720, le indiscrezioni del nuovo gioiello Microsoft

Microsoft Xbox 720

Il mondo della tecnologia è continuamente assetato di novità, e sovente si affida alle indiscrezioni che provengono da fonti poco attendibili. Noi non prendiamo per buone le notizie diffuse tanto per farlo, ma in questo caso vogliamo dedicare un post all’Xbox 720, le cui anticipazioni sulle caratteristiche sono state pubblicate niente meno che dalla rivista Xbox World. Nel web impazza la lista delle nuove proprietà, per la gioia di chi trascorre ore intere a giocare con la consolle della Microsoft.

Già il nome, Xbox 720, è quello ritenuto più probabile, anche se altre voci escludono l’estensione numerica, dando per certo il nome generico Xbox. La probabile uscita nei mercati di tutto il mondo, dato non trascurabile per chi attende da mesi la nuova consolle, è data per novembre del 2013, ma i più “ottimisti” sperano di vederla già esposta all’E3 di giugno del prossimo anno.

Il cuore della nuova Xbox 720 sarà un processore diviso in quattro distinti core, supportato da una memoria Ram da 8 Gigabyte. Riguardo alle memorie di massa, gran parte dei dati potranno essere immagazzinati in un hard disk che si può rimuovere in qualsiasi momento. Infine, per ulteriori supporti e periferiche esterne, ci sono ben quattro porte Usb.

Venendo, invece, alle assolute novità che a detta degli esperti faranno fare un gran salto di qualità alla Xbox 720, trasformando definitivamente il modo di giocare dei milioni di giovani e non di tutto il mondo, ricordiamo il Kinect 2.0. Si tratta della versione evoluta di un particolare sensore ambientale, che in tempo reale registra i movimenti dei giocatori nelle tre dimensioni, mandando definitivamente in soffitta il vecchio joypad. Con il Kinect 2.0, invece, c’è la possibilità di rilevare anche quattro persone contemporaneamente, integrandole e calandole perfettamente nei nuovi giochi 3d, in una realtà virtuale poco distinguibile da quella reale.

Uno dei punti di debolezza della “vecchia” Xbox era la mancanza del lettore Blue Ray, ora presente con un lettore dedicato. Ma non vogliamo illudere troppo gli appassionati di questa consolle, visto che sono forti anche le voci su un suo successivo implemento, grazie a un lettore esterno che uscirà soltanto nel 2015.

Visto che l’audio è parte integrante, anzi sempre più importante, dei nuovi giochi video, l’Xbox 720 non sarà da meno anche in questo caso con un diffusore audio 3D. In questo modo si avrà la possibilità di direzionare il suono in certe porzioni di ambienti domestici, per un effetto sonoro molto vicino alla realtà.

Rimangono da delineare altre due caratteristiche della Xbox 720, una delle quali, il prezzo, è determinante per l’acquisto. Rifacendosi sempre alle indiscrezioni, la nuova consolle dovrebbe costare circa 500 euro, una cifra non troppo distante da quella necessaria per comprare il grande avversario, cioè la PlayStation 4.

Ultima considerazione riguarda l’aspetto esteriore: l’Xbox 720 avrà una forma rettangolare dagli angoli smussati, con il caratteristico colore nero.

Siamo sicuri che nelle prossime settimane inizieranno a filtrare notizie certe al posto delle indiscrezioni, e non mancheremo di fornirvele!

Surface, il Tablet della Microsoft a Basso Costo

Il Tablet low cost della Microsoft Surface

Quando sul mercato esordisce un nuovo prodotto tecnologico sono del tutto giustificati i timori dei concorrenti, che vedono minacciati i loro profitti. Le preoccupazioni si trasformano in vero e proprio panico nel momento in cui si ha un competitor che propone prezzi assai ribassati. È il caso del nuovo Surface, primo tablet prodotto dalla multinazionale di Bill Gates Microsoft, che nella versione “low cost” costerà soltanto 200 euro. Un vero colpo basso tirato alla Apple e agli altri marchi blasonati!

L’ultima battaglia, nell’infinita guerra tecnologica, come è noto si sta combattendo a colpi di tablet, con la Apple che sfoggia l’iPad, contrastato dal Nexus 7 della Asus e dal Kindle Fire prodotto dalla Amazon. Tutti prodotti che variano per le caratteristiche offerte e dividono gli acquirenti in opposte “tifoserie”.

Le notizie che sono filtrate dalla Microsoft, invece, vedono il tablet Surface a un prezzo promozionale di 199 dollari, e lasciano sbigottiti quanti attendono l’esordio di Bill Gates su questo settore di mercato. Secondo le ultime indiscrezioni, per ora abbiamo a disposizione soltanto queste, la versione a basso costo monterà un processore Arm, con delle prestazioni più limitate, e un sistema operativo Windows RT.

Accontentandoci, per il momento, di sognare questo tablet a un prezzo davvero conveniente, senza indagare sui fattori che indurranno Bill Gates a questa mossa apparentemente antieconomica, vediamo di capire quali saranno le caratteristiche del dispositivo mobile, e le principali differenze con gli altri tablet in circolazione.

Partiamo dall’aspetto esterno del Surface: entrambe le versioni, quella per Windows RT e l’altra che installerà Windows 8, disporranno di uno schermo da 10,6 pollici, un po’ più grande rispetto all’iPad. Inoltre, non è un caso che ufficialmente la presentazione avverrà alla fine di ottobre, in occasione del lancio di Windows 8. Continuando a descrivere il Surface per Windows RT, questo avrà un peso di circa 670 grammi, con uno spessore di poco superiore ai nove millimetri.

Interessante, poi, è la cover protettiva che fa parte integrante del Surface. La Touch Cover, in particolare, serve a fornire al tablet un supporto touch aggiuntivo, mentre per i “tradizionalisti” della tastiera fisica avremo a disposizione la Type Cover.

Tornando al discorso del prezzo per la versione più economica, e dando ascolto a queste indiscrezioni che probabilmente si tradurranno in certezze il prossimo 26 ottobre, la scelta sarebbe indotta dalla volontà di sforare un mercato, come quello dei tablet, al momento chiuso.

Ha un’opinione contraria, invece, il noto blogger di tecnologia Shelly Palmer secondo cui un prezzo così ridotto sarebbe un suicidio per la Microsoft, destinata a perdere milioni di euro in fase di produzione.

La verità la sapremo presto. Per il momento nulla ci toglie dalla mente che queste indiscrezioni, fatte comparire nelle cronache tecnologiche di questa torrida estate, servano soltanto ad aumentare la suspence e a generare un tormentone che ci accompagnerà nelle prossime settimane. È il mercato, bellezza!

10 curiosità su Microsoft

Ingresso sede Microsoft

Lo sapevate che? …Notizie interessanti, singolari e divertenti sulla software house più importante del mondo:

  1. Il primo riferimento documentato
    Il nome Microsoft viene utilizzato per la prima volta il 29 novembre 1975, in una lettera inviata da Bill Gates al cofondatore dell’azienda Paul Allen. All’epoca aveva scritto: Micro-Soft. Il marchio registrato diventa il nome dell’azienda solo un anno dopo, il 26 novembre 1976.
  1. Vietati Ipod e Google!
    Steve Ballmer esorta i suoi figli ad utilizzare solo i prodotti dell’azienda di Redmond. Una volta, durante un’intervista, dichiarò: “I miei figli in alcune cose sono maleducati come tutti gli altri bambini, ma almeno sono riuscito a persuaderli a non utilizzare Google per le ricerche su Internet e a non usare l’Ipod per ascoltare la musica”.
  1. Microsoft in cifre I
    Microsoft da attualmente lavoro a 95.828 persone in tutto il mondo, la cui età media è di 37 anni e di cui il 75% sono uomini. Microsoft occupa 88 edifici con una superficie complessiva di 1.121.739,83 metri quadrati.
  1. Solo per Mac: la prima versione di Office
    La prima versione di Microsoft Office è stata presentata nel 1989. Era disponibile su floppy o cd-rom, ma solo per un sistema operativo: Mac OS.
  1. Suoni Windows esclusivi
    Brian Eno ha composto il suono d’avvio di Windows 95 e lo ha inciso con l’aiuto di un Macintosh di Apple. I suoni di Vista sono stati realizzati da Robert Fripp, un tempo chitarrista della band King Crimson.
  1. Microsoft in cifre II
    La Microsoft Dining si occupa del catering degli impiegati di Redmond. Consegna ogni giorno 2500 pezzi di pizza. I dipendenti Microsoft consumano ogni anno quasi 4 milioni di cartoni di latte, 7 milioni di confezioni di acqua minerale e quasi 2 milioni di bustine di thè.
  1. Più di 12000 giorni in Microsoft
    Bill Gates ha lavorato dal 4 aprile 1975 al 27 giugno 2008 nell’azienda da lui fondata. Complessivamente sono 12.139 giorni, vacanze e weekend inclusi.
  1. Il bisnonno di Windows
    Il primo sistema operativo Microsoft si chiamava Xenix. Il successore di Unix è arrivato sul mercato il 25 agosto 1980. Bill Gates lo avrebbe voluto utilizzare come sistema operativo standard per pc, ma così non fu.
  1. Il tasto Salva con un errore di sistema
    L’icona che rappresenta il comando di salvataggio in tutti i programmi di Office antecedenti alla versione 2003 è errata. Sul dischetto stilizzato, infatti, la fessura sulla linguetta di protezione si trova sul lato sbagliato.
  1. 16 miliardi di dati su ogni tabella Excel
    Excel 2007 supporta tabelle con 16000 colonne e un milione di righe. In altre parole fino a 16 miliardi di record di dati.

Nasce Office 365: tutto va nel Cloud

Cloud computing Office 365

Nell’era del cloud computing, cioè della nuvola virtuale che ospita utenti e documenti, anche Microsoft non si tira indietro e lancia Office 365.

Tutti i programmi della suite Office, quindi, traslocano nel cloud , non solo nel senso che sono visualizzabili on line i documenti creati con la suite più famosa (e craccata del mondo), ma anche che gli stessi sono fruibili e modificabili in tempo reale, come avviene su un server aziendale.

Nel cloud di Microsoft, oltre alla suite di Office, sono presenti anche applicazioni tipicamente “da ufficio”, come Sharepoint, Exchange e Lynk: una dotazione professionale, insomma, che non ha nulla da invidiare ai programmi che girano sui nostri computer aziendali.

La qualità sembra essere assicurata dal pagamento di un canone di utilizzo, che va dai due ai 27 euro al mese, a seconda delle funzionalità a cui vogliamo accedere.

Ora, insomma, potrete davvero lavorare in ogni parte del mondo.

Microsoft Office Home and Business 2010 Italiano CD-ROM Office Home & Business

Microsoft Office Home and Business 2010 Italiano, Office Home & Business per aziende

Microsoft Office 2010 Home and Business è la release integrale e di facile uso per l’amministrazione dei contatti e del rendimento.

Concepito per le aziende di piccole dimensioni, ma anche per chi lavora da casa, Microsoft Office Home & Business 2010 fornisce agli utenti strumenti aggiornati per incrementare la funzionalità della propria attività e presentare ai clienti un eccellente servizio.

Con Microsoft Office Home & Business Italiano è attuabile la centralizzazione di tutte le informazioni che riguardano i clienti ed è possibile creare in modo autonomo materiale pubblicitario, marketing e presentazioni.

Microsoft Office Home and Business 2010 Italiano include:

  • Microsoft Office Word 2010
  • Microsoft Office Outlook 2010
  • Microsoft Office Excel 2010
  • Microsoft Office One Note 2010
  • Microsoft Office PowerPoint 2010
  • Supporto Tecnico

Office Home and Business: Microsoft Office Home & Business 2010 ItalianoAcquista Office Home and Business 2010

Skype diventa proprietà di Microsoft

Microsoft acquista Skype

8 miliardi di dollari: ecco la cifra da capogiro che Microsoft ha speso per acquisire Skype, il leader della telefonia VOIP nel mondo. Oltre alla presa in carico dei debiti dell’azienda, un tempo appannaggio di Ebay: altri 500 milioni.

Con più di 25 milioni di utenti in tutto il mondo, indubbiamente si trattava di un bel bocconcino, soprattutto per rafforzare la posizione dell’azienda di Bill Gates sul mercato.

L’affare è stato strappato ad altri due contendenti di eccezione: Google e Facebook, che pure si erano fatti avanti.

Adesso Microsoft potrà allungare il passo ed affrancarsi dal suo ruolo storico di azienda produttrice di software, per estendersi anche al versante mobile.

Prossimo step, inoltre, sarà l’integrazione di Skype in Outlook sulla console di casa, grazie all’ausilio del dispositivo Kinect, oltre che sugli smartphone con sistema operativo Windows mobile.

Solo il tempo, naturalmente potrà dire se è stato un buon affare: per ora, è sicuramente il più ricco investimento che Microsoft ha fatto, dall’inizio della sua storia.

Office Mac 2011 – Microsoft Bx-Office Mac Hs 2011 Italiano

Office Mac 2011 DVD Italiano

Office Mac 2011 è il software in italiano professionale, familiare e compatibile:

  • Office Mac 2011 è professionale perché consente di creare presentazioni con un impatto visivo elevato, fogli di calcolo e documenti.
  • Office Mac 2011 è familiare in quanto include le applicazioni per la produttività più affidabili e familiari che vengono utilizzate in ufficio, a casa e a scuola. Include inoltre Word, PowerPoint, Excel.
  • Office Mac 2011 è compatibile grazie al fatto che più di un miliardo di PC e Mac in tutto il mondo eseguono Office e ciò permette di collaborare, creare e condividere con chi desideri e dove desideri.

Caratteristiche principali di Office Mac 2011:

  • Visualizzazione a schermo intero con più spazio a disposizione per scrivere e leggere documenti.
  • Ridisposizione dinamica e rapida dei livelli di foto, testo ed elementi grafici.
  • Grafici sparkline con la creazione, in un’unica cella, di piccoli grafici per determinare modelli nel flusso dei dati.
  • Creazione condivisa mediante la modifica di file in simultanea da posizioni diverse con altri autori.
  • Modifica foto, aggiunta di colori e rimozione di sfondi con pochi e semplici clic.
  • Raccolta modelli con la selezione visiva, per ogni progetto, del modello ideale.
  • Barra multifunzione che consente la personalizzazione dell’area di lavoro e l’accesso rapido ai comandi preferiti.
  • Supporto di Visual Basic, risparmio di tempo e aumento dell’efficienza grazie all’automazione delle attività ripetitive.
  • Supporto di Office Web App con condivisione, inserimento e modifica, da qualunque posizione, di file.
  • Outlook per Mac, connessione per posta elettronica e calendario con strumenti integrati.

Microsoft Bx-Office Mac Hs 2011 ItalianoAcquista Microsoft Bx-Office Mac Hs 2011 Italiano Dvd

In arrivo i nuovi sistemi operativi Microsoft e Apple

Microsoft - Apple: nuovi sistemi operativi

Tempo di novità in tema di software, sia in casa Microsoft che in casa Apple: stanno infatti per arrivare, rispettivamente, Windows 8 e Lion.

Per quanto riguarda il sistema operativo Microsoft, sarà presentato ad ottobre e porterà novità poco significative sotto il profilo dello sviluppo software, ma essenziali per gli utenti: interfaccia semplificata, maggiore velocità e la capacità di ripristinare il sistema allo stato originario senza però cancellare documenti in soli due minuti.

Se questo è il biglietto da visita, il retro dello stesso avverte che lo stesso sistema opererà sia sui pc che sui terminali mobili (net pc e smartphone), diventando così universale e favorendo l’interazione tra i vari dispositivi.

Venendo al sistema operativo di Apple, che verrà ufficialmente presentato a giugno, la parola d’ordine è (ulteriore) semplificazione e massima interazione con i dispositivi mobili.

Si può dire anzi che le maggiori novità sono proprio tratte dall’iOS dell’iPad: per esempio, la sovraschermata che mostra tutte le applicazioni installate sul nostro Mac, e lo scorrimento delle finestre.

E in un futuro neppure troppo remoto, si parla già di multitouch, che ci consentirà di usare il tocco del nostro dito anche sui nostri computer.

Guerra davanti all’UE tra Microsoft e Google

Microsoft e Google: guerra davanti all’UE

Sapevamo che non c’era simpatia tra il colosso dell’informatica Microsoft e il colosso dei motori di ricerca Google: del resto, tra primedonne capita di non riscuotere la reciproca simpatia.

Dopo essersi punzecchiati a distanza, ora Microsoft fa sul serio ed ha presentato un ricorso alla Commissione dell’Unione Europea contro Google per abuso di posizione dominante.

Il motivo sarebbe la condotta ostruzionistica intrapresa dall’azienda di Mountain View, volta ad ostacolare la sopravvivenza sul mercato di potenziali concorrenti (e il riferimento è certamente a Bing e alla recente querelle intercorsa con Microsoft).

La Commissione, per adesso, ha preso atto del ricorso, che si innesta sulle indagini dell’Antitrust europeo, già aperte qualche mese fa nei confronti di Google: e se l’aria si fa davvero pesante, in casa Google ostentano la massima sicurezza, certi della correttezza del proprio operato.

Nokia e Microsoft si alleano per superare Apple e Google

Windows Phone sistema operativo su Nokia

Cosa succede se un colosso di informatica e un colosso di cellulari si alleano?

Sicuramente che i leader di mercato sono in pericolo.

Per cercare di fronteggiare la rivalità di Google ed Apple, l’azienda finlandese e quella statunitense hanno siglato un accordo, che prevede l’installazione di Windows Phone come sistema operativo su Nokia, invece dell’ormai superato Symbian, e l’inserimento del motore di ricerca Bing di Microsoft su cellulari Nokia.

Microsoft, dal canto suo, implementerà Nokia Maps sui propri programmi di cartografia.

Infine, come per l’Iphone, sarà possibile acquistare il software per i dispositivi Nokia dal Windows Marketplace.

Con questo accordo, Nokia ha ammesso sostanzialmente di aver seguito una strategia sbagliata negli ultimi tempi e cerca di riguadagnare terreno su un mercato sempre più competitivo.