Article Marketing di Qualità?

Scopri come pubblicare i tuoi articoli su OfficialSM.net
+

Articoletti

STAI VISUALIZZANDO UN ARCHIVIO in Articoletti: sfoglia i post

SUCCESSIVO »

Bmw e Toyota insieme per l’Auto del Futuro

Auto nuova insieme per Toyota e Bmw

La notizia ormai è ufficiale, anche se i preliminari dell’accordo erano stati fissati già la scorsa estate: Bmw e Toyota lavoreranno assieme per creare l’auto ecologica del futuro. La collaborazione poggerà su alcuni pilastri di ricerca, destinati a rivoluzionare il modo di creare vetture.

Se la Fiat fa ancora parlare di sé in chiave negativa, con la chiusura provvisoria dello stabilimento di Melfi e migliaia di operai in cassa integrazione, altre marche di automobili dovrebbero esser prese ad esempio per produttività e lungimiranza.

La Bmw non sembra soffrire di più di tanto la crisi economica e del mercato automobilistico, dato che continua a sfornare vetture sportive, diventate simboli di prestigio. La giapponese Toyota, forte della ricerca tecnologica e con la versatilità dei modelli di vetture creati, ha maturato esperienza da vendere nel campo della sostenibilità ambientale.

Su questi presupposti è nato, così, l’accordo tra le due case produttrici. In gioco c’è il futuro dell’auto elettrica: non più associata alle piccole utilitarie, buone per gli spostamenti cittadini e amate dalle famiglie che vogliono risparmiare; ma modelli sportivi e potenti, che abbinino le grandi prestazioni con l’esigenza di rispettare l’ambiente e il portafogli!

Al primo posto dell’intesa tra i due colossi dell’auto c’è l’idrogeno. È vero, sono già stati fatti degli esperimenti di auto alimentate con questo gas, ma i risultati sono stati finora poco esaltanti. Complici gli alti costi per produzione dell’idrogeno e la scarsa autonomia, le auto con Fuel Cells (cioè con celle combustibili) erano relegate a un mercato di nicchia perlopiù dimostrativo. Da qui al 2020, invece, la Bmw ha intenzione di potenziare la ricerca in questo campo, per giungere alla produzione di auto sportive a idrogeno. Per fare ciò è necessario studiare nuovi serbatoi, più capienti e sicuri rispetto ai precedenti.

Il secondo “sogno” che lega  Toyota e Bmw è l’ambizione di avere un’auto elettrica finalmente senza i limiti dei primi prototipi. In primis c’è l’autonomia: le vecchie batterie agli ioni di litio non garantiscono performance esaltanti. La nuova batteria che usa ossigeno ed elimina i metalli pesanti, oltre a sdoganare definitivamente l’auto ibrida (motore termico ed elettrico insieme), sarà sempre più dalla parte dell’ambiente.

La lungimiranza è la chiave del successo nel mercato dell’auto, per cui non sorprende l’ambizione della “strana coppia” Bmw e Toyota di voler ridurre il peso della carrozzeria, senza pregiudicarne la sicurezza in caso di incidenti. Un peso minore della scocca si traduce in un consumo più basso e velocità maggiori: non scordiamoci che la Bmw fa auto sportive!

I primi risultati della partnership tra i due marchi dovrebbero arrivare già a fine anno. La collaborazione, tuttavia, continuerà anche in futuro.

Avere auto sportive che strizzano l’occhio all’ambiente significa poter sperare, finalmente, nella realizzazione di vetture in prevalenza ecologiche e alla portata di tutti. Per questo ci conviene tifare per le due case automobilistiche!

E’ Online il Sito dedicato agli Eventi per Single!

Sito web per glii eventi dedicati ai single

Informazioni, notizie, risorse e organizzazione di appuntamenti sia online che dal vivo: “Eventi Single” è tutto questo ed anche di più considerando che i professionisti degli incontri per le persone in cerca dell’anima gemella potranno utilizzare la piattaforma per veicolare agli utenti le proprie offerte.

Gli utenti del sito possono effettuare la registrazione gratuita alla newsletter potendo anche scegliere la propria regione di interesse per ricevere gli aggiornamenti sul sito e le proposte dedicate agli eventi in promozione, selezionare e mettere a carrello le offerte che riguardano i servizi presenti al momento relativi a serate, week-end e vacanze, leggere le news che riguardano il mondo dei singles e della ricerca delle persone con cui intraprendere relazioni di amicizia o sentimentali.

EventiSingle.com si pone come nuovo punto di riferimento nel settore dating e incontri online, favorendo al contempo la frequentazione in luoghi reali presso selezionate e suggestive location ove trascorrere vacanze o più brevi fine-settimana, incluse cene e feste per single.

Finalmente la Stampante che Scrive e Cancella!

Stampante per scrivere e cancellare

Che il mondo tecnologico sforni in continuazione strumenti e apparecchiature di ultima generazione, talvolta inutili, è cosa ormai risaputa. I blog e i siti dedicati al settore vengono continuamente aggiornati per stare dietro alle novità. Ciò di cui vogliamo parlare oggi, invece, ha tutte le carte in regola per diventare una rivoluzione ecologica. Un gruppo di ricercatori legato alla prestigiosa Università di Cambridge ha messo a punto il prototipo della prima stampante in grado di cancellare l’inchiostro presente sui comuni fogli di carta, rendendoli così utilizzabili più volte. Si tratta di un’invenzione che, se avrà un riscontro sul mercato, potrebbe mutare le abitudini in molti uffici e abitazioni!

La realizzazione del prototipo di questa stampante, che a quanto pare funziona “al contrario”, fa riflettere sui vantaggi che doveva portare il processo di digitalizzazione: un modo per velocizzare le più comuni pratiche burocratiche, riducendo contemporaneamente il materiale cartaceo. Se la prima promessa è stata mantenuta, lo stesso non può dirsi per l’aspetto ecologico: la carta utilizzata negli uffici è ancora tanta!

Tornando alla stampante che prima scrive e poi cancella i caratteri impressi, a illustrare la nuova “creatura” è stato lo stesso direttore del gruppo di ricercatori di Cambridge, il Dr. Allwood. L’apparecchio funzionerebbe abbinando contemporaneamente la tecnologia laser con il comune toner per stampanti che si trova in commercio.

Utilizzando un impulso laser, con una lunghezza d’onda pari a 532 nanometri, la stampante è in grado di cancellare lo stesso inchiostro con cui è stato stampato un documento. I colori, così, verrebbero letteralmente vaporizzati senza recare danno al foglio di carta bianca.

I primi esperimenti di questa strana “stampante del futuro” hanno dimostrato che la stessa carta può essere utilizzata almeno tre volte. Nulla vieta che, in futuro e con le dovute migliorie, la “vita media” di un foglio di carta si allunghi ulteriormente.

La notizia, divulgata dai laboratori universitari di Cambridge, non è tardata a comparire in tutti i giornali del mondo. Con particolare gioia, poi, è stata accolta dalle associazioni ecologiste che si battono da anni per la difesa degli alberi da cui si ottiene la cellulosa.

Un po’ meno contenti, forse, sono i vertici della Toshiba. La multinazionale con sede a Tokyo aveva già sviluppato una stampante che usa un inchiostro particolare, eliminabile dal foglio di carta grazie all’utilizzo del laser!

Le previsioni del gruppo di ricercatori sono ottimistiche riguardo alla riduzione di anidride carbonica conseguente alla stampante che cancella i colori. Secondo le stime più prudenti, con un foglio che potrebbe essere usato anche venti volte prima di finire nel cestino, si ridurrebbe la CO2 del 50% nel processo di produzione della carta. Ma si sa, tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare: dovrà passare qualche anno prima di poter acquistare questa stampante “miracolosa” a prezzi abbordabili.

Tutto sul CES 2012 di Las Vegas

CES 2012 Las Vegas elettronica di consumo

Si è da pochi giorni concluso il CES di Las Vegas, primo vero appuntamento dell’anno con l’elettronica di consumo. Le novità proposte sono davvero molte ma vediamo di illustrare le principali, seguendo la progressione delle lettere dell’alfabeto.

Partendo dalla prima lettera, la “A”, l’auto del terzo millennio sembra davvero essere vincolata all’elettronica. Nei prossimi anni si prevedono veicoli più sicuri e soprattutto perennemente connessi alla rete internet. Proprio alla lettera “C” dell’alfabeto viene associata la connettività, cioè l’esigenza/possibilità di avere tutti gli strumenti elettronici senza più cavetti ma con il wi-fi di “serie” in ogni applicazione. La lettera “E” ci ricorda l’ecosostenibilità, fortunatamente sempre più al centro dell’attenzione di chi produce elettronica di consumo e vuole rispettare l’ambiente. La “M” sta ovviamente per Microsoft, con la volontà di Bill Gates di rilanciare il suo marchio multinazionale, con il sistema operativo Windows 8. “S” è sinonimo, manco a dirlo, di smart; ma questa volta a essere “intelligenti” non sono i telefonini ma le televisioni, destinate a mutare definitivamente le sembianze originarie per trasformarsi in veri computer. Alla lettera “V” il CES di Las Vegas ha associato il termine voce! Ora tutti i comandi saranno impartiti tramite i suoni emessi dalle nostre corde vocali, per poterci tenere le mani libere e continuare le altre operazioni.

Si prospetta un anno di grandi trasformazioni nel mondo della tecnologia e dell’elettronica di consumo, nonostante la crisi economica che rallenterà la corsa ai consumi.

La scuola digitale del futuro: un’opportunità per l’intera Italia!

Ministero dell'Istruzione, agenda digitale italiana

Finalmente una buona notizia proviene dal mondo della politica, riguardante la tecnologia e la digitalizzazione: su iniziativa del nuovo ministro dell’Istruzione, Francesco Profumo, la scuola italiana subirà un grande ed epocale processo di digitalizzazione, già nelle scuole primarie. Almeno sono questi i proclami, ma per ora accontentiamoci di questi!

L’hanno denominata “agenda digitale italiana”, la serie di atti e regolamenti governativi per portare la scuola italiana ai livelli richiesti dall’Unione Europea. I presupposti per la riuscita di questa riforma della scuola, dopo le tante annunciate e realizzate nei precedenti governi, ci sono tutti.

Il lavoro congiunto di alcune commissioni parlamentari e le proposte fornite dall’Autorità garante delle comunicazioni stanno componendo il puzzle della nuova “Italia digitale”. La scuola, appunto, può essere un fulcro su cui poter far leva.

Interessanti sono le considerazioni del ministro dell’Istruzione, secondo cui l’immissione di libri digitali al posto dei pesanti volumi cartacei, indirettamente indurrà le stesse famiglie a creare in molti casi un primo contatto con il mondo di internet e dei computer. Quella della scuola è una comunità allargata che coincide in buona parte con l’intera cittadinanza italiana.

Ovviamente qualsiasi progetto di digitalizzazione delle scuole non può che basarsi su alcuni presupposti: uno di questi è la diffusione estensiva della banda larga. È noto che in molte zone del paese, a macchia di leopardo, è quasi utopistico navigare a una velocità decente.

Indiscrezioni sul nuovo iPad 3

Nuovo iPad 3 di Apple

Più che notizie certe si tratta di indiscrezioni che la Apple, tra l’altro, non ha ancora smentito o confermato. L’iPad 3 dovrebbe esordire sul mercato mondiale il prossimo febbraio. Molte novità su prezzi, design, nuove funzionalità e altri dettagli che i “patiti” non vedono l’ora di conoscere.

Anche se non si hanno notizie certe, è utile fare una panoramica sulle voci che si sono rincorse in questi ultimi tempi, soprattutto dopo la morte di Steve Jobs. La scomparsa del papà di Apple aveva già indotto la modifica del nome dell’ultimo iPhone, chiamandolo “4 S”, con l’iniziale di Steve.

A dare un tocco di “sentimentalismo tecnologico” è la probabile data di uscita dell’iPad 3. Alcuni ritengono che sarà il 24 febbraio, proprio il compleanno di Jobs. Altra indiscrezione riguarda il costo: dettaglio di certo non indifferente, visto che il colosso di Cupertino deve fare i conti con l’agguerrita concorrenza nel settore dei tablet. Sembra che la nuova versione avrà dei costi leggermente più abbordabili!

Entrando nel cuore elettronico dell’iPad 3, poi, è veramente difficile intuire quale sarà l’azienda produttrice dei chipset: un vero terno al lotto, considerando che si è parlato di LG, TSMC, Samsung; anche se sembrerebbe spuntarla l’ultima dell’elenco.

Ultima possibile novità che vogliamo illustrarvi riguarda il display. Si è accennato alla possibilità di montare un display Retina, cioè uno schermo touch che offre un’altissima definizione delle immagini.

Non ci resta che attendere, accontentandoci di fantasticare sui più piccoli dettagli dell’iPad 3!

Apple multata dall’Antitrust italiano

L'antitrust italiano multa la Apple

La Apple non conclude nel migliore dei modi il 2011: dopo la morte del fondatore Steve Jobs nello scorso ottobre, si trova a balzare nuovamente alle cronache di tutto il mondo tecnologico per una multa salatissima che le è stata comminata dall’Antitrust italiano. Novecentomila euro che il colosso americano dovrà pagare per non aver fornito sufficienti informazioni sui servizi di assistenza a pagamento.

La questione riguarda le tre società della “mela morsa” operanti nel nostro paese: Apple Retail, Apple Sales International e Apple Italia S.r.l. Due sono le irregolarità che hanno portato l’autorità Antitrust a questa decisione. La prima riguarda i punti vendita e i portali per il commercio online; non sono state date adeguate informazioni agli utenti sull’assistenza gratuita per due anni, come riportato nel Codice del Consumo.

La seconda infrazione è ancor più grave poiché tocca le assistenze fornite a pagamento da Apple. Anche in questo caso latitavano le informazioni sulla tipologia di assistenza e la durata della tutela. Di fatto, due irregolarità volte a indurre il consumatore a scegliere i servizi a pagamento, con un guadagno dell’azienda assai rilevante.

Questa importante notizia, che non lascia indifferenti gli appassionati e gli operatori del settore, fa riflettere sul ruolo decisivo delle autorità Antitrust, sia nazionali che a livello europeo, nel tutelare i cittadini dallo strapotere delle multinazionali. Del resto, lo stesso attuale premier Mario Monti divenne celebre per aver multato la Microsoft, quando si occupava di concorrenza nella Commissione Europea.

E’ Online il Sito Web dedicato agli Hotel a Roma

Il sito web dedicato agli hotel a Roma

Alloggiare a Roma in una confortevole camera presso una zona turistica o adiacente uno dei tanti punti di interesse sia centrali che periferici, vicino ad una delle università romane o nei dintorni di un aeroporto o stazione ferroviaria.

E’ questo l’obiettivo del nuovo sito web dedicato agli hotel a Roma che presenta gli utenti la possibilità di ricercare il proprio albergo preferito tramite la selezione di micro aree così da avvicinarsi il più possibile al punto esatto in cui si desidera pernottare.

Non solo la classica suddivisione in stelle degli hotel, quindi, ma un vero e proprio percorso per le vie e piazze più importanti della Città Eterna e le attrazioni più rilevanti sia per un tipo di soggiorno business dedicato a chi si occupa di affari e sia di tipo leisure per chi si reca a Roma per svago e tempo libero.

HotelRoma-Centro.com offre infatti specifiche pagine web relative alle zone di Roma, inclusi i rioni e i quartieri, con particolare attenzione ai punti di interesse ed alle aree turistiche che mostrano gli hotel che si trovano nelle vicinanze di monumenti, edifici storici, musei, basiliche, gallerie, teatri, ville.

Withings: la bilancia Wi-Fi ipertecnologica

La bilancia Wi-Fi di Withings

Che la tecnologia potesse fare passi da gigante era chiaro già negli anni passati, quando in poco tempo è stato realizzato l’impensabile: apparecchi che in pochi grammi contengono migliaia di canzoni da ascoltare, telefoni intelligenti simili a computer, e notebook sempre più snelli.

Ora possiamo avere anche una bilancia che, tramite la connessione Wi-Fi, si collega al vostro iPhone per tenere sotto controllo il peso del corpo e l’andamento dello stesso nel tempo. Non è fantascienza, ma ciò che permette di fare la bilancia Withings. Questo apparecchio ha una forma avveniristica e accattivante: i requisiti giusti per stregare gli amanti della tecnologia.

Fin qui nulla di strano: neanche la possibilità di mostrarvi la composizione corporea e la percentuale di massa grassa sono sorprendenti, poiché anche altre bilance danno informazioni simili.

La novità è costituita dalla comunicazione Wi-Fi che avviene tra la bilancia Withings e l’iPhone, e dall’elaborazione di un’applicazione gratuita che permette di ottenere un grafico con l’andamento del peso nel tempo.

Il secondo punto a favore della bilancia Withings è l’intelligenza interna, che le permette di riconoscere i singoli componenti della famiglia, così da avere profili unici e inconfondibili.

La tecnologia avanzata della bilancia Withings, tuttavia, non risolve il problema di molte persone, cioè l’obesità. Sulla riduzione del peso corporeo non bastano iPhone e Wi-Fi: serva solo una buona dose di costanza nel mangiar meno e muoversi di più!

Sintonizzatore digitale terrestre Itek Nbox ITDTR01P

Itek Nbox ITDTR01P il sintonizzatore digitale terrestre

Nuovo decoder per vecchie TV

Una soluzione economica e funzionale per dare nuova vita ai vecchi televisori messi a tacere dallo switch-off al digitale terrestre.

L’Nbox ITDTR01P, prodotto da Itek, è un decoder DVBT zapper, economico e funzionale, per modelli di televisori dotati di connessione SCART. Presenta infatti il formato mini Scart che consente di minimizzare l’ingombro al punto tale da poter confinare il dispositivo dietro al televisore. Per facilitarne l’inserimento il corpo del decoder può essere ruotato di 180°. Per quelle regioni dove non è ancora stato operato il passaggio completo al digitale terrestre, è presente il connettore di uscita per l’antenna che consente di vedere anche le trasmissioni in analogico a decoder spento. Dotato di telecomando e ricevitore infrarossi, l’Itek permette di ricevere i canali TV e Radio. Nascosto completamente dietro la TV, oltre alla funzione di decoder, si rivela un efficiente player multimediale per audio, foto e video, ed un ottimo registratore digitale. Le registrazioni vengono effettuate in formato Mpeg-2 ed è possibile riprodurle immediatamente mediante l’interfaccia media player del dispositivo o riversarle, con l’ausilio di un computer, su un supporto DVD alla risoluzione nativa di 720×576 pixel. Supporta la guida elettronica dei programmi (EPG).